Helping One Million People

Psicologia & Relazioni

ERANO SOLO POCHI MATTONI

2021-08-07 14:10:06

Iniziò il 13 agosto 1961, 60 anni fa; e solo due mesi prima il presidente della Germania Est...

(15 giugno 1961, Walter Ulbricht capo di Stato della DDR e segretario del Partito Socialista Unitario della Germania) aveva detto: 

«nessuno ha intenzione di costruire un muro»

Le limitazioni della libertà iniziano sempre in modo apparentemente innocuo.
D'altronde un semplice mattone sopra l'altro cosa può fare?
Gli operai stessi che vedi in queste foto stavano costruendo la fine della loro libertà per pochi spiccioli che servivano loro per sfamare i loro figli, le loro famiglie. 
Che male potevano fare? 
Quale occulto disegno poteva mai nascondere il vecchio amico Hans che già altre volte li aveva chiamati a collaborare per altri lavori? Dovevano pur campare no?
Altri LIBERI cittadini osservavano incuriositi al bordo dei lavori esattamente come oggi i proverbiali "Umarell" guardano un cantiere qualsiasi cercando di indovinare come si svilupperà o per ridere divertiti di un secchio di cemento sfuggito dalle mani di un operaio.
Scene di quotidiana normalità. Nulla di strano.
Qualcuno salutava chi era dall'altro lato, sorridente nella sua convinzione che, in qualsiasi istante, avrebbe potuto girare intorno al cantiere per proseguire la propria camminata verso il garzone dove di solito acquistava il pane.
La normalità quotidiana cambiava di poche sfumature, nulla di che.
La storia la conosciamo tutti così come letta nei libri di scuola ma prova a guardarla con gli occhi di un bimbo di allora, di un uomo o una donna innamorati di chi, dall'altro lato della strada, sembrava normale incontrare come sempre.
La storia ci insegna molto di più di quanto possa sembrare.
E' necessario avere memoria e capacità di osservazione.
E' necessario ricordare che l'essere umano è portato a commettere molto sovente gli stessi errori con modalità differenti.
Ma le leggi della natura sono pressoché invariate da sempre.
L'energia non si crea e non si distrugge, semplicemente si trasforma.
Ci sono stati ci sono e sempre ci saranno coloro che aggrediscono e coloro che soccombono.
Se si ritrae la propria attenzione dai propri diritti per lo stesso principio naturale della termodinamica vi è subito pronto qualcuno che se ne approprierà.
Non abbassiamo la guardia, non diamo per scontato che qualcosa di innocuo possa essere un male minore.
Non cedere sulla libertà che è costata la vita a così tante Persone che hanno combattuto per ottenerla  anche per noi.
La tua libertà vale molto di più che rinunciare ad una cena al ristorante o alla vacanza.
Noi siamo molto di più di questo.
Ormai non vedo più alcuna forza politica o organizzazione capace di rappresentare il buon senso.
Non vedo più ideologie o religioni che abbiano senso in questa epoca così veloce nelle mutazioni.
Non vedo più qualcuno che mi faccia sentire rappresentato e tutelato in nessun contesto.
Non vedo più qualcuno che sia davvero attento alle Persone.
Tutte queste riflessioni normalmente farebbero scaturire come conseguenza la nascita di un nuovo paradigma sociale e mi sento chiamato a scuotere le coscienze con le uniche armi che possiedo.
La consapevolezza e perseveranza nel sognare di contribuire a creare un mondo migliore donando pensieri e riflessioni a chi possa vibrare della stessa energia.
Non so a cosa porterà quanto scrivo ma non posso trattenerlo perchè non appartiene solo a me.
Appartiene anche a te che lo stai leggendo ed a tutti coloro che lo faranno.
La parola non è altro che energia dinamica pronta a manifestarsi nei modi e nei tempi opportuni.
L'energia ad un certo punto diviene materia così come al contrario, la materia ad un certo punto torna energia.
Da soli valiamo tanto ma, tutti insieme, siamo invincibili.
Rimaniamo uniti e, se sarà necessario, troviamo il modo di esprimere ed affermare le libertà che ci appartengono.
NOI SIAMO IL POPOLO
Aiutaci ad aiutarti ad aiutare
Matteo MAURIZIO
#wearehere #weareenergy #helpingonemillionpeopl

100  
36